martedì 22 luglio 2014

Ognuno al suo posto! Tu canti e io ballo!

Ma perchè tutti vogliono fare tutto, tranne le cose per cui sono pagati?

Sabato sera sono andata a ballare con le mie ragazze a una festicciola di paese.
Non è importante sapere il luogo, nè chi ha suonato. La festa in sè era bene organizzata: il cibo era buono, tavoli in abbondanza, spazio per ballare e musica dal vivo.

Ma se dovessi organizzare io, quel complessino musicale non lo chiamerei per davvero!

Nel caso stiate cercando un pretesto per dire la vostra, pensate bene e intervenite con cognizione, quindi, prima di mettere mano alla tastiera, per la sola abitudine di postare, leggete prima fino in fondo, e riflettete.

Il primo dovere di chi fa musica è quello di saper suonare e cantare, chi sa suonare e non sa cantare, suoni e basta, lasci perdere il canto. Chi sa cantare ma non sa suonare, pensasse a cantare e non facesse finta di suonare, chè di bravi musicisti ce ne sono a vagoni in giro, basta cercare.

Il secondo dovere di chi suona per la gente che balla, è quello di tenersi informati sulle canzoni in voga al momento, e possibilmente cantarle; e possibilmente mantenere la struttura originale del brano per evitare di far saltare le coreografie che sono state montate appositamente su quel brano.

Preparatevi a casa cari colleghi musicisti! Siete pagati per suonare e cantare, non per mettere i cd! I cd si mettono solo negli sporadici casi in cui, non sia stato possibile reperire la base musicale, e solo nel caso non si abbia in repertorio il brano. 

E attenzione! perchè una cosa è non avere il brano in un repertorio aggiornato, una altra cosa è non avere un repertorio.

Tra l'altro un repertorio aggiornato, prevede oltre le canzoni per il ballo coreografico, e il  ballo di coppia (liscio per intenderci) anche ritmi quali Salsa, Bachata, Merengue, Ska, e per favore basta Cumbie. 

Le balliamo in tutti i modi queste cumbie. Io ballo tre coreografie di cumbia, finite quelle, sono costretta a ballarci sopra altre cose, se voglio continuare a ballare per il resto della serata.

E sopratutto non suonate una Cumbia facendola passare per Salsa!

Preparatevi una scaletta musicale in modo che tutti possano ballare. Una scaletta ben organizza prevede che i vari gruppi non stiano fermi più della durata di un ballo.
E poi evitate di fare i "divi" puntando il microfono verso i ballerini. Se non sapete la canzone, non cantatela accidenti! Ditelo: ci spiace ma questo brano non ce lo ricordiamo ... e suonatene un'altro!

Questo lo dico non perchè a un cantante non debba capitare un vuoto di memoria, ma perchè la gente ci deve ballare sopra,  questo vale sopratutto per le canzoni datate che suggeriscono le figure coreografiche.

E poi ancora, è molto meglio attenersi al proprio ruolo sul palco. Non tutti sono animali da palcoscenico, brillanti e dalla battuta pronta (battuta intelligente s'intende, i doppi sensi hanno stufato! sono di cattivo gusto e fuori moda!)   Mettersi a saltare come capre lasciando da parte gli strumenti mentre il cd suona è da incompetenti! Cosa diamine volete dimostrare?

Il pubblico dei ballerini non è stupido, e quando va a ballare vuole "qualità" dannazione!

ecco ... mi sono sfogata! se qualcuno si sente punto sul vivo, facesse l'unica cosa intelligente che c'è da fare.   MIGLIORASSE!

Coreographic Team su You Tube


2 commenti:

  1. Analisi perfetta.Brava Rosy

    RispondiElimina
  2. Ben trovato Ferruccio :)
    sono davvero spiacente di averla dovuta fare, anche se probabilmente mi attirerò l'antipatia di molte persone, ballerini e colleghi compresi.

    RispondiElimina