mercoledì 13 luglio 2011

Ballo di Gruppo: Chi sceglie le musiche?


Si sente spesso parlare del "tormentone" di turno!
A dir la verità mi arriva notizia sempre dagli allievi, perchè di solito ne parlano al TG e io non seguo molto la TV, per cui molte volte non sono informata.

Qualche volta però mi sono presa la briga di prendere in considerazione "la dritta", ho cercato il brano, l'ho ascoltato più volte per cercare di capire cosa aveva di così trascinante da essere un tormentone, e più di qualche  volta ho lasciato perdere.

A costo di diventare impopolare... ma devo proprio dirlo:questa moda del tormentone ha proprio stufato!

C'è tanta buona musica da prendere in considerazione, sulla quale montare coreografie da adattare ognuno ai propri allievi.

IL popolo dei ballerini, quelli che vanno nelle Sale da Ballo tutti i Sabato sera, hanno bisogno di musica che valga la pena di essere ballata, sopratutto se sono giovani! 

Basta con le canzonette! Modernizziamo il repertorio, abituiamo i nostri allievi alla buona musica, scegliamo da soli i brani su cui lavorare!

Imparare a ballare non è difficile, ma secondo il ballo potrebbe essere faticoso, quindi non sprechiamo energie e tempo se davvero non ne vale la pena.

Scegliamo con cognizione il brano, studiamolo, proponiamolo ai nostri colleghi, e loro se riterranno che ne vale la pena lo prenderanno in considerazione, e allora quel brano avrà  successo e sarà comunque possibile ballarlo insieme nelle sale.

Diamo al Ballo di Gruppo il valore che si merita,
e sopratutto... non facciamoci manipolare!

 
p.s. Hai trovato interessante questo lavoro?
Iscriviti al blog!
Sarai aggiornato a ogni nuovo video!

Coreographic Team su You Tube


sito


2 commenti:

  1. In riferimento al "tormentone" penso che le persone a volte vengono a corsi per poi andare in discoteca o comunque nelle sale da ballo e non restare seduti, quindi vengono ad imparare a ballare anche e forse 'sopratutto' cio' che dovrebbero danzare in quei luoghi.
    In termini di marketing si potrebbe dire che se si dà un servizio, bisogna fare una analisi del mercato e poi si deve adattare il servizio al mercato. Il termine giusto é "Marketing oriented" che é il marketing vincente per i professionisti. Se invece lo fai solo per piacere, tutti i gusti son gusti e non tutti amano la fragola :)

    Sono certo di esserti stato utile.
    Ciao Rosy.

    RispondiElimina
  2. E' ovvio che chi si iscrive a un corso di ballo lo fa "anche" per non fare da tapezzeria...

    Io non avrei niente in contrario sui "tormentoni" se non fosse che troppo spesso è musica spicciola, e come tale nel tempo ha contribuito a sminuire un'attività che invece verte non solo a far divertire chi ama ballare, ma per le caratteristiche che le son proprie, è invece una disciplina completa che valorizza e gratifica sotto molti aspetti il ballerino.

    Ciò non toglie che un brano possa essere divertente e spiritoso, anzi...

    Per quanto riguarda l'analisi di mercato, ho realizzato che abbiamo un popolo di ballerini mediocri che "ballano" (si fa per dire) insignificanti coreografie proposte da istruttori che non si sognano neanche di alzare di un punto il livello dei loro allievi;
    ... i "tormentoni" spesso accompagnati da coreografie facili facili, e sopratutto sempre uguali, sono utili per queste persone...

    Io mi sforzo di proporre qualcosa di meglio perchè credo nelle possibilità dell'allievo.

    Sicuramente in un eventuale analisi di mercato io... e quelli come me, siamo in minoranza, ma... meglio un piatto di frutta buona che una cassetta di frutta marcia!

    Ciao Mauro, grazie per il tuo intervento :-)

    RispondiElimina